L’ala est di Buckingham Palace è stata aperta al pubblico dal re Carlo III


LONDRA — No, non puoi salutare dal balcone. Ma per la prima volta, i visitatori paganti possono sbirciare le stanze dietro quel famoso punto focale dove i reali britannici si riuniscono durante le incoronazioni, i matrimoni e le parate di compleanno.

A partire da questo mese, il Royal Collection Trust amplierà le visite guidate a Buckingham Palace e offrirà l’accesso all’ala est, che comprende un corridoio fiancheggiato da dipinti di artisti del calibro di Thomas Gainsborough, un salotto giallo decorato con porcellane cinesi e la “sala centrale” che conduce al famoso balcone.

Fa parte di una seppur minima apertura delle residenze reali, e forse è anche un riconoscimento del fatto che i contribuenti hanno contribuito con 474 milioni di dollari per abbellire un palazzo in cui la famiglia reale in realtà non vive.

“Re Carlo III desidera ardentemente aprire le residenze reali”, ha detto alla BBC Nicola Turner Inman, curatrice della Royal Collection.

“Il re è preoccupato perché un’enorme quantità di denaro dei contribuenti è stata spesa per ristrutturare il palazzo per un decennio e, proprio per questo motivo, la gente ha bisogno di vedere cosa viene speso”, ha affermato Joe Little, caporedattore di Majesty Magazine, che si occupa della famiglia reale.

I tour dell’East Wing sono in fase di sperimentazione. I biglietti, che costano 96 $, sono andati a ruba nel giro di poche ore dalla messa in vendita ad aprile.

“Come per tutte le cose reali, il cambiamento è graduale”, ha detto Little. Ma ha suggerito che coloro che gestiscono le residenze sembrano “più esperti di commercio” negli ultimi anni. “È chiaro che lì c’è un bel po’ di reddito da generare, quindi i cambiamenti sono stati significativi da quando il re è diventato re”, ha detto.

FATTI RAGGIUNGERE

Storie per tenerti informato

Anche questo mese, il castello di Balmoral, il rifugio scozzese amato dal defunto Regina Elisabetta IIha iniziato a offrire l’accesso ad aree precedentemente chiuse al costo di $ 129 per l’ingresso base o $ 193 con il tè pomeridiano. I biglietti sono andati esauriti entro 24 ore.

La tenuta di Sandringham, dove la famiglia reale si riunisce a Natale, ha iniziato a ospitare concerti su larga scala.

Alcuni critici sostengono che il pubblico dovrebbe poter entrare gratuitamente a Buckingham Palace.

“Questo è un edificio pubblico. Fanno pagare 75 sterline per un tour. Spendiamo oltre 345 milioni di sterline all’anno per i reali e attualmente spendiamo centinaia di milioni per le ristrutturazioni del palazzo. Questo è scandaloso”, Graham Smith, fondatore del gruppo anti-monarchico Republic, ha scritto sui social media.

I reali hanno accesso a molti castelli, palazzi e “cottage” sparsi in tutto il paese. Alcune residenze, come Balmoral e Sandringham, sono di loro proprietà e sono state tramandate di generazione in generazione. Ma altre fanno parte della Proprietà della Coronaun insieme di proprietà terriere risalenti alla conquista normanna del 1066, che in tempi moderni è gestito dal governo, i cui profitti vanno alla tesoreria dello Stato.

Il Castello di Windsor e il Palazzo di Kensington sono tra le proprietà della Crown Estate che includono un accesso pubblico a pagamento. Ma il Royal Lodge, dove è caduto in disgrazia Principe Andrea vive con la sua ex moglie, La mia vita è bellaE Cottage di Frogmorel’ex casa di Il principe Harry e Meghansono vietati al pubblico.

Buckingham Palace venne aperto al pubblico per la prima volta nei mesi estivi del 1993, dopo che un incendio distrusse parte del Castello di Windsor e furono necessari fondi per contribuire ai lavori di riparazione.

Non è chiaro se Carlo vivrà nel palazzo da 775 stanze dopo il completamento dei lavori di ristrutturazione, durati 10 anni, nel 2027.

Buckingham Palace funge ancora da quartier generale amministrativo per la monarchia. Carlo vi si reca per riunioni, ricevimenti e funzioni di stato. Ma ha rotto con i precedenti cinque monarchi nel scegliendo di non trasferirsi. Invece, lui e la regina Camilla sono rimasti a Clarence House, la villa in stucco bianco con cinque camere da letto dove hanno vissuto insieme per 20 anni.

L’ala est di Buckingham Palace fu aggiunta durante il regno della regina Vittoria, che desiderava più spazio per la sua famiglia in crescita (aveva nove figli).

La costruzione fu finanziata dalla vendita del Royal Pavilion di Brighton, che un tempo era il rifugio costiero di Giorgio IV. Giorgio amava l’arte e il design asiatici e molti dei contenuti del padiglione furono trasportati a Londra, tra cui squisite porcellane cinesi e giapponesi.

Il marito di Vittoria, il principe Alberto, supervisionò la decorazione dell’ala est. Fu Alberto a suggerire l’aggiunta di un balcone.



Sorgente ↣ :

Views: 8