Von der Leyen promette ai liberali di Renew “nessuna cooperazione strutturata” con l’Ecr di Meloni


Questo articolo è stato pubblicato originariamente in Inglese

Renew Europe conta attualmente 76 eurodeputati, di cui Ursula von der Leyen ha bisogno per ottenere la conferma per un secondo mandato

PUBBLICITÀ

Ursula von der Leyenil presidente della Commissione europea che sta cercando di ottenere una maggioranza per un secondo mandato, ha promesso ai liberali di Renew Europe che non instaurerà una “cooperazione strutturata” con il gruppo dei Conservatori e riformisti europei (Ecr) di Giorgia Meloni.

“Abbiamo avuto buoni scambi con Ursula von der Leyen. Domande franche e dure da parte nostra”, ha dichiarato mercoledì Valerie Hayer, l’europarlamentare francese che presiede Renew Europe, dopo un incontro tra i liberali e la presidente in carica. “Abbiamo detto chiaramente che non accettiamo alcun flirt con l’estrema destra. Ci ha dato degli impegni. Naturalmente esamineremo la questione con molta attenzione”.

Durante la sua campagna per la selezione, la von der Leyen ha sollevato la perplessità quando ha compiuto delle avances sempre più esplicite alla premier italiana, che controlla saldamente il gruppo di destra Ecr.

A causa delle sue posizioni socialmente conservatrici e dei suoi attacchi alla libertà di stampa, la Meloni è considerata un’accusa per Renew Europe e per i Socialisti e Democratici (S&D), che sono la principale opposizione a Roma. Tuttavia, unAll’interno del Partito Popolare Europeo (Ppe) di centrodestra, la Meloni è vista come una figura costruttiva e pragmatica, anche se le sue posizioni spesso virano verso l’euroscetticismo.

L’intesa guidata da von der Leyen tra Ppe, S&D e Renew Europe

In particolare, il Ppe non considera l’intero Ecr come “estrema destra”come i socialisti e i liberali, e preferisce trattare il gruppo in fazioni separate: Fratelli d’Italia della Meloni, in positivo, e Diritto e Giustizia (PiS) della Polonia, in negativo.

Dopo le elezioni del Parlamento europeo, la von der Leyen, che appartiene all’ala moderata del Ppe, ha cambiato idea e ha promesso di costruire una piattaforma centrista e duratura con il Ppe, l’S&D e Renew, che insieme avrebbero una maggioranza di 400 seggi.

“La nostra posizione è assolutamente chiara, da parte del gruppo Renew. Dovremmo essere in coalizione con i gruppi pro europei, questo è chiaro. Per noi, Ecr non è un gruppo pro europeo”, ha detto Hayer. “Non dobbiamo fare alcun accordo con il gruppo Ecr”.

Alla domanda se la Leyen si impegnasse ad escludere il gruppo Ecr dalla sua futura piattaforma, Hayer ha risposto che “ha ha promesso di costruire una “coalizione” come ha fatto nel suo primo mandato.

Due funzionari di Renew hanno detto che von der Leyen è stata più esplicitamente esplicitata durante l’incontro a porte chiuse e ha promesso “nessuna cooperazione strutturata” con Ecr durante il suo potenziale secondo mandato, una dichiarazione che sembra pensata per fugare ogni dubbio residuo.

Attriti nella futura coalizione sulla riconferma di von der Leyen

Von der Leyen però non dovrebbe osare accettare il sostegno dei 76 eurodeputati che siedono con Renew. Le delegazioni tedesca, slovacca, portoghese e irlandese sono considerate le più scettichesecondo Euronews, a causa della gestione da parte di von der Leyen dei regressi democratici in Ungheria di Viktor Orbán e nella Slovacchia di Robert Fico.

Nel frattempo, i sei eurodeputati irlandesi si oppongono alla sua riconferma per la sua risposta alla guerra tra Israele e Hamas, criticata per essere eccessivamente favorevole a Israele. Se si prevedono attriti simili tra i partiti del Ppe (188 eurodeputati) e dell’S&D (136), il che suggerisce che von der Leyen potrebbe non raggiungere i 361 voti necessari per un secondo mandato. Il divario potrebbe essere colmato dai Verdi (53) o dal gruppo Ecr (78).

Ecco il dilemma: avvicinarsi troppo a Verdi scatenerebbe le ire dei suoi alleati conservatori e avvicinarsi troppo all’Ecr, a sua volta, allontanerebbe i progressisti. L’articolo di mercoledì suggerisce che i Verdi, i più strenui sostenitori del Green Deal della von der Leyen, potrebbero essere l’opzione più sicura.

Incontro tra von der Leyen ed Ecr previsto per la prossima settimana

Il presidente ha già incontrato i gruppi S&D e Renew, e ha in programma un incontro con i Verdi mercoledì pomeriggio e con il gruppo Ecr martedì prossimo, prima del voto di conferma del 18 luglio. Gli incontri consentono ai gruppi di presentare la loro lista di richieste e progetti per il ciclo quinquennale.

Per i liberali, questi includono la difesa, la competitività, la riduzione della burocrazia, la protezione dei diritti fondamentalil’azione per il clima e la gestione dell’immigrazione. “Non c’è un assegno in bianco”, ha detto Hayer. “Le priorità politiche di Renew devono essere incorporate nel programma di lavoro della Commissione per i prossimi cinque anni”.

In vista dei dati decisivi, il presidente del Ppe Manfred Weber ha esortato l’emiciclo ad appoggiare il candidato, a rispettare il sistema degli Spitzenkandidaten ea garantire la continuità politica in un mondo pieno di crisi.

“Se Ursula von der Leyen dovesse fallire, rischieremmo di ritrovarci in un’Europa con molta instabilità”, ha dichiarato Weber ai giornalisti mercoledì mattina. “Se Ursula von der Leyen fallisse la prossima settimana, ci sarebbe un solo uomo felice, Viktor Orbán. E io non voglio fare questo regalo a Viktor Orbán”.



Sorgente ↣ :

Views: 0